Home|

Pubblicazioni|

 CD Rom|

 Atlante Ornitologico Molise|

 Database Osservazioni|

Birdwatching|

Museografia Scientifica|

Bandi

Statuto

Sezione di Teriologia

 

Iscrizione

Bollettino Regionale

 

Links

 

 


 

 

>Nicola Norante, ornitologo sin da ragazzo...

presentazione del prof. Vittorio Brizzi – Università di Ferrara

Nicola Norante nasce il 14 ottobre del 1954. Proviene da una schiatta illustre, i cui antenati fanno parte di quei risoluti protagonisti della movimentata e battagliera storia del Molise degli ultimi tre secoli.

Di nobili natali, quindi, e con una diretta genealogia che gli ha assecondato le sue prime forti vocazioni scientifiche, com’era costume non raro nelle famiglie con solide radici, di un tempo.

La sua è una passione di lunga data: la memoria infantile lo vede sin da bambino, nelle scorribande contro i Colombi di Piazza S. Petronio in Bologna, nell’allevare a 13 anni canarini e nostrani per passione, ed a iniziare una vera e propria ricerca ornitologica “pura” dedicandosi all’avifauna del Molise, a soli 14 anni.

Da quel momento, sostenuto ed amato dall’illustre Prof. Augusto Toschi allora direttore del Laboratorio di Zoologia Applicata alla Caccia di Bologna, inizia il suo percorso scientifico al fianco dei più illustri ornitologi e zoologi italiani: Alessandro Ghigi, E. Augusto Di Carlo, Edgardo Moltoni, Aldo Pazzuconi, Ferrante Foschi, Giulio Teodorani, Domenico Malmerendi, Lamberto Leporati, Bruno Massa, Azelio Ortali, Gino Fantin, Attilio Mocci De Martis, Pierandrea Brichetti, Vito Meterangelo, Ugo Foscolo Foschi, Mario Spagnesi, Adalberto Calastri, Fabio Perco, Franco Perco, Giorgio Boscagli, Sergio Frugis, Giovanni Boano, Franco Tassi,  Pasquale Santone, Massimo Pellegrini, Nicola Baccetti, Fabio Taffetani ed altri, collaborando con loro nelle ricerche sulla fauna.

Dal 1974 comincia a pubblicare le sue ricerche nella gloriosa “Rivista Italiana di Ornitologia” diretta da E. Moltoni, collaborando inizialmente proprio col Prof. Moltoni, Di Carlo, Foschi, Brichetti, quindi nelle pagine de “Gli Uccelli d’Italia” organo della Società Ornitologica Italiana, in Quaderni del Museo di Paleontologia e Scienze Naturali di Voghera, in “Ricerche di Biologia della Selvaggina” edito dal Laboratorio di Zoologia Applicata alla Caccia, in ‘Bollettino Centro Molisano di Studi Naturalistici ’ ed altro.

Ben presto entrò a far parte della bibliografia ornitologica italiana ed estera. Collaborò con l’allora Laboratorio Zoologico Applicato alla Caccia per le attività di inanellamento, partecipando a numerosi convegni di ornitologia in Italia ed all’estero.

In questi anni svolse anche ricerche storiche sul patrimonio faunistico della Regione Molise ed in particolare sul “Bosco di Ramitelli” che vantava la fama di essere uno dei maggiori siti palustri con bosco semisommerso d’Italia, tanto frequentato dall’illustre Conte E.Arrigoni degli Oddi che lo cita nei suoi studi.

Le collaborazioni con i vari studiosi e Università italiane continuarono, le ricerche si svolsero maggiormente in Molise e Abruzzo dando un contributo scientifico unico e sempre più dettagliato.

Ha riunito una massa di dati storici ed attuali, estremamente vasta e complessa, tanto da avere un quadro pressoché completo dell’avifauna molisana.

Questi dati sono stati progressivamente raccolti in database, sono corredate da proprie fotografie e vengono messi a disposizione in questo sito e nelle prossime pubblicazioni (CDRom, testi, riviste).

In seguito agli studi liceali, consegue la laurea in Igiene presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.

Recentemente in Austria e Alto Adige ha frequentato seminari sulla gestione dei grossi mammiferi e, per ben 17 anni, è stato membro della ‘Consulta regionale della caccia in Molise’ in qualità di ‘Esperto di Zoologia’; ha promosso alcune attività di reintroduzione di fauna autoctona,  collabora col Parco Nazionale d’Abruzzo, col Corpo Forestale dello Stato, ha partecipato allo studio per l’Atlante Ornitologico Europeo ed a quello Italiano, coordina i censimenti degli acquatici per la Convenzione di Ramsar su nomina diretta del Ministero dell’Agricoltura e delle Foreste, ha istituito diverse zone di protezione in Molise; ha partecipato allo studio del “Piano delle Vocazioni Faunistiche della Regione Molise” realizzato dall’INBS di Bologna, ha svolto Seminari di Ornitologia presso l’Università degli Studi del Molise, ha collaborato e lavorato in ricerche scientifiche presso le Università di Parma, Roma e Ancona e con Istituti inglesi, ha svolto seminari agli insegnanti di scienze naturali per l’IRSAE e varie docenze nelle scuole molisane.

Ha fondato il GMSO e creato il primo sito ufficiale dell’ornitologia molisana.